Ripristino dellerezione nella vecchiaia

Disfunzione erettile, con i giusti esercizi si previene e si combatte - La Stampa

ripristino dellerezione nella vecchiaia

I rimedi farmacologici più moderni ed efficaci sono i cosiddetti "inibitori della fosfodiesterasi 5", anche detti farmaci PDE5i. Introdotti in commercio 10 anni fa, questi farmaci hanno rivoluzionato le terapie per la disfunzione erettile ; si assumono facilmente per via orale e costituiscono un rimedio valido ed efficace nella maggior ripristino dellerezione nella vecchiaia dei casi, essendo in grado di migliorare significativamente la funzione erettile, sia per quanto riguarda il raggiungimento che il mantenimento dell' erezione del ripristino dellerezione nella vecchiaia.

OFFERTE DEL MESE

Come funzionano questi rimedi? Semplice: potenziando l'effetto del GMP ciclico, la sostanza che è la principale responsabile dell'erezione. Il risultato è un meccanismo erettile più efficace.

ripristino dellerezione nella vecchiaia

Si trattava del Sildenafil. Negli anni successivi si sono aggiunti altri due farmaci: il Vardenafil ed il Tadalafil.

Il meccanismo d'azione è simile per tutti e tre, e tutti hanno dimostrato di essere efficaci e ben tollerati. Dal ad oggi, milioni di pazienti in tutto il mondo hanno assunto inibitori della PDE5, dimostrando che si tratta di farmaci sicuri, anche se assunti ripetutamente e nel lungo periodo, purché si rispettino le avvertenze e le controindicazioni riportate sul foglietto illustrativo.

È assolutamente necessario che il loro utilizzo avvenga sotto la guida ed il controllo di un medico. Va infatti ricordato come, accanto alla prescrizione del farmaco, il medico interverrà modo per prolungare lerezione tutte le condizioni responsabili di disfunzione erettileaiutando il paziente a correggere alcuni stili di vita fumo, sedentarietàe trattando le patologie associate diabete, ipertensione, eccesso di colesterolo nel sangue, alterazioni ormonali.

Tali problemi possono riguardare: la libido che è il desiderio e la voglia, espressione della necessità del contatto sessuale, la capacità erettile cioè quel meccanismo che sta alla base della vita sessuale del maschio e la rende possibile l'eiaculazione e l'orgasmo.

Ovviamente, non tutti i casi sono uguali. Tuttavia non vi è alcuna forma o tipologia di disfunzione erettile in cui gli inibitori della PDE5i non possano essere indicati come primo livello di terapia.

Colpisce tutte le aree della vita. Lo stress, a sua volta, ha un impatto negativo sulla salute. Il problema principale affrontato dagli uomini nella vita sessuale è la disfunzione erettile. Che cosa dà Cialis?

Per questo motivo, qualunque sia il problema di erezione, la maggior parte degli specialisti considera altre soluzioni terapeutiche solo dopo che questi farmaci orali si siano dimostrati inefficaci. Tipicamente, i pazienti che soffrono di Disfunzione Erettile DE sono di 3 tipi: Il paziente "organico" Il Paziente organico è quello la cui disfunzione erettile è legata a problemi dell'organismo non necessariamente correlati alla sfera sessuale, ma che potrebbero trovare la loro causa in ripristino dellerezione nella vecchiaia di vita non corretti, in alterazioni del metabolismo o più semplicemente nel normale processo di invecchiamento.

ripristino dellerezione nella vecchiaia

Infatti, i problemi di erezione compaiono spesso in pazienti interessati da: malattie cardiovascolari come l'ipertensione e l'aterosclerosi. Tutte queste sono condizioni di " disfunzione erettile organica ", spesso di severa entità.

Articoli correlati

Per molti di questi pazienti l'utilizzo dei PDE5 è sufficiente a ripristinare l'attività sessuale. Le forme di origine psichica sono spesso determinate da particolari situazioni, incostanti ed a rapido esordio, tuttavia possono essere severe e causare grave disagio tanto quanto quelle organiche, e richiedono lo stesso grado di attenzione da parte del medico.

ripristino dellerezione nella vecchiaia

Lo specialista in questi casi deve rassicurare il paziente escludendo prima di tutto una patologia organica, ma spesso questo non basta a eliminare il problema. In queste forme i PDE5i hanno dimostrato un'eccellente efficacia e rappresentano un supporto terapeutico importantissimo anche in ripristino dellerezione nella vecchiaia al counselling o alla psicoterapia.

Il paziente "prostatectomizzato" In pazienti sottoposti ad asportazione radicale della prostata vi è un'elevata incidenza di disfunzione erettile post-operatoria.

ripristino dellerezione nella vecchiaia

Ripristino dellerezione nella vecchiaia inibitori della PDE5, tuttavia, possono migliorare l'erezione anche in questa difficile categoria di pazienti. Inoltre, se impiegati regolarmente, assumono una funzione "riabilitativa" e possono favorire anche la ripresa dell'erezione spontanea, in particolare se l'intervento è stato eseguito con tecnica "nerve-sparing", cioè preservando i fasci vascolonervosi indispensabili all'erezione. La capacità dei farmaci inibitori della PDE5 di migliorare l'erezione in pressoché tutte le tipologie di pazienti è di grande utilità perché consente: l'utilizzo un unico farmaco anche per curare forme "miste" in cui, cioè, diverse cause si sovrappongono; una soluzione immediata.

Įdomūs apžvalgos